RaiUno_logo

In evidenza

Ophelia Lovibond

Kitty Carlton

Come descriveresti il tuo personaggio, Kitty Carlton?
"E’ la raffinata figlia di un uomo d’affari. Ed è promessa sposa al figlio di un altro uomo d’affari. È stata cresciuta ed educata per ricoprire quel ruolo, come erede femmina. Suo padre non ha avuto altri figli, perciò quello era il suo modo per non disperdere la ricchezza. E’, essenzialmente, un bene di lusso. Ma quello di Kitty è un personaggio troppo vibrante, con un carattere troppo indipendente per sottostare a questo destino. È cosciente dell’ingiustizia, ma è anche spaventata all’idea di perdere tutto per tentare di farcela con le sue sole forze. Alla fine, decide che andare incontro all’ignoto possa essere molto meglio che essere sposata a qualcuno di cui non è innamorata e con lui condividere una vita noiosa.”

Vi assomigliate, tu e il tuo personaggio?
"Assolutamente! Ci somigliamo tantissimo perchè anche io credo ci siano ancora troppe ingiustizie nel mondo lavoro tra uomini e donne, nel modo in cui vengono presentati e percepiti dai media. Quando un personaggio femminile viene presentato in una opera teatrale o in un film, è sempre descritto come bellissimo, sexy e sfacciato. Mentre per gli uomini si usano aggettivi come taciturno e intelligente. Sono delle qualità completamente differenti. Mi identifico con Kitty nella sua frustrazione a questo squilibrio e nel suo desiderio di aggiustare le cose. Kitty è una persona molto egoista – apertamente egoista - perciò vuole fare qualcosa per correggere queste ingiustizie, se non per tutte le donne, certamente per se stessa."

Qual è la sua relazione con Mark?
"Molto libera. Lei non lo ama. Lui è così diverso da tutti gli altri uomini che lei ha potuto incontrare nella sua snob e ristretta cerchia di amici. Non ha mai incontrato prima un uomo che parlasse in modo tanto chiaro, onesto e diretto come fa lui. Vede in lui qualcosa di se stessa e lo trova attraente, perché è una persona narcisista.
Mark è così diverso da Ashley, il suo promesso sposo! Lei vede il rapporto con Mark per ciò che è: sesso e divertimento. E non è imbarazzata per questo. Quando viene scoperta, la sua reazione è ‘Bene, e allora?’. La sua relazione con Mark non è una storia d’amore… è solo una storia di letto."

Questo è un progetto importante, paragonato a quelli cui hai preso parte nel passato? "Assolutamente. Questo è il più grande progetto per la televisione cui abbia lavorato. Ho avuto parti importanti in diversi film, ma questa è stata senza dubbio l’esperienza più grande ed epica cui abbia partecipato. Non ho mai interpretato un personaggio come questo, il cui sviluppo personale ha avuto un tale meraviglioso svolgimento e una tale lunghezza per essere esplicitato. Come attrice, è qualcosa di cui hai bisogno: l’occasione di lasciarlo sviluppare e lo spazio per vederlo accadere. Questo è certamente una cosa che mi ha entusiasmata sin da quando ho letto la sceneggiatura."

Rai.it

Siti Rai online: 847